660×220 Studio Mihaela Merchea

BOLI PROFESIONALE ALE SECTORULUI COLF-BADANTI ÎN ITALIA

Puțini stiu că în afară de accidentul la locul de muncă (infortunio sul lavoro) mai există și alte aspecte ale asigurării Inail​, si anume acoperirea in caz de boli profesionale, acele boli care se declanșează în strânsă legatură și în raport de cauza-efect cu activitatea desfașurată și condițiile de muncă. In aceste cazuri sunt prevăzute mai multe drepturi, cu mar fi dreptul la conservarea locului de muncă și prestații economice, pe timpul bolii sau in forma de rendita permanentă în cazul daunelor permanente.

In continuare cateva aspecte ale disciplinei:

Malattie professionali colf e badante

A differenza dell’infortunio, perché la patologia contratta sia classificabile come “malattia professionale”, bisogna che ci sia un rapporto causale diretto tra rischio professionale e malattia (“nesso causale”).

Il rischio di lungo termine può essere provocato da:

• il tipo di mansioni che svolge il lavoratore
• materiali o fattori presenti nell’ambiente lavorativo
• gli strumenti utilizzati per svolgere le proprie mansioni

Se la malattia è compresa negli elenchi delle malattie professionali contenuti nelle tabelle allegate al D.P.R. n. 1124/1965 (“malattia tabellata”) e si manifesta entro i termini previsti, secondo la Corte di Cassazione si presume che il “nesso causale,” ovvero il rapporto di causalità tra lavoro e malattia, sussista.
Ogni forma morbosa che possa ritenersi conseguenza di attività lavorativa può essere denunciata all’INAIL, anche se non è compresa fra le malattie tabellate: in questo caso il lavoratore dovrà dimostrare il nesso causale tra l’attività lavorativa e la malattia.

Esempi di malattie professionali per il settore domestico:

• disturbi muscolo scheletrici derivanti dai pericoli e rischi associati alla movimentazione manuali dei carichi sul posto di lavoro, specialmente degli arti superiori e del collo (pensiamo ad esempio alla badante che assiste persone con mobilità ridotta o alla colf che sposta mobili durante le pulizie);

• malattie respiratorie correlate all’uso di agenti chimici utilizzate per la pulizia di casa (candeggina, ammonica) che possono provocare una rinite.

Prestazioni assicurative previste

L’Ente predisposto per l’indennizzo dei danni provocati da malattie professionali è l’Inail, che prevede le prestazioni di carattere economico, sanitario e riabilitativo.

Al lavoratore domestico infortunato sul lavoro, convivente e non, spettano le seguenti prestazioni, previste dal D.P.R. n. 1124/1965:

• una indennità giornaliera per l’inabilità temporanea;
• una rendita per l’inabilità permanente;
• un assegno per l’assistenza personale continuativa;
• una rendita ai superstiti ed un assegno in caso di morte;
• le cure mediche e chirurgiche, compresi gli accertamenti clinici;
• la fornitura degli apparecchi di protesi.

Studio avv. Mihaela Merchea